tripadvisor recensioni Aia vecchia

panorama Aia Vecchia

http://www.agriturismoaiavecchia.com

http://www.agriturismoaiavecchia.com

Agriturismo Aia Vecchia di Montalceto

Agriturismo Aia Vecchia di Montlaceto http://www.agriturismoaiavecchia.com

AgriturismoAia Vecchia di Montalceto Asciano Siena

http://www.agriturismoaiavecchia.com

Agriturismo Aia Vecchia di Montalceto

Agriturismo in Toscana Siena Asciano appartamenti con piscina http://www.agriturismoaiavecchia.com

https://twitter.com

mercoledì 31 dicembre 2008

La terrasse di Monte San Savino

A due chilometri dall 'autostrada , situato nel centro storico di Monte San Savino di fronte a porta Fiorentina , ingresso principale al borgo medioevale , il ristorante " La Terrasse " accoglie la clientela in un ambiente caldo e confortevole , con lo stile tipico della classica architettura toscana : archi romanici suddividono le sale , delicatamente tinteggiate sui toni in giallo , riprese nei colori dalle tovaglie e dal servito , e introducono allo spazio esterno della terrazza , un angolo verde e appartato .
Puo' soddisfare fino ad un totale di 150 coperti , sia in estate che in inverno.
Il locale e' dotato di aria condizionata.
Il menu del ristorante propone piatti tipici della tradizione toscana , arricchiti della creativita' e dell'esperienza degli chef.
Ogni pietanza viene preparata al momento, una garanzia di frschezza e genuinita'.
La cornice conviviale e' arricchita dalla cura nella presentazione dei singoli piatti , in un insieme che unisce il gusto dei sapori alla bellezza delle portate.

Locanda del ponte del Garbo

La locanda del Ponte del Garbo nasce nello storico palazzo dei marchesi Bargagli Stolfi , edificio risalente al 1300.
Le due sale al pian terreno sono caratterizzate da grandi arcate e dal soffitto a travi e 35-60 posti a sedere .
Imponente e caratteristico il grande camino.
La locanda, inoltre, dispone di un giardino interno che e' sempre stato corte dei medesimi nobili proprietari, ampio , alberato , accogliente e' predisposto per gruppi turistici , cerimonie , banchetti , lauree e feste private.
Locanda del Ponte del Garbo , Asciano , Siena .

L'azione dell'acqua sul paesaggio

Museo del paesaggio , Castelnuovo Berardenga.
Lezione ed escursione per comprendere come l'azione dell'acqua riesca da un punto di vista geomorfologico a essere responsabile del modellamento del paesaggio naturale .
In particolar modo verranno presi in esame i processi di formazione dei bacini e dei reticoli idrografici , le forze e le trasformazioni naturali e antropiche coinvolte nel fenomeno .

martedì 30 dicembre 2008

Natura dormiente

D'inverno , la natura riposa , vegeta segretamente , ritardando le funzioni vitali.
E' percio' il momento di piantare alberi e arbusti con la zolla , in terreno o in vaso , ma anche le bulbose a fioritura primaverile come crochi , agli da fiore e tulipani .
Per decorare il giardino le terrazze e i balconi , si possono impiegare l'erica , ma anche piante con coloratissime bacche , come crataegus e gaultheria .
Le potature si fanno a temperature non troppo rigide , anche con tagli grossi .
Su tutte le superfici occorrre spargere letame terricciati e concimi composti.
Le piante che trascorrono la stagione fredda all'aperto vanno difese dal freddo con torba e terricci distribuiti al piede e , nelle locazioni piu' esposte anche con teli di plastica.

Frassino antismog

Piantare un Frassino di 2/4 anni in giardino e' un operazione di valore non solo estetico , ma anche ecologico.
Il mese di Dicembre si presta proprio alla piantagione di alberi a foglia decidua ( ovvero caduca) come il frassino , l'acero e la betulla.
Di semplice ed elegante bellezza , adatte a realizzare filari per viali ed altri tipi di barriera ornamentale , queste piante hanno un particolare pregio.
Sono , infatti, fra le specie botaniche che assorbono maggiormente l'inquinamento atmosferico e che rilasciano una quantita' minima di sostanze organiche volatili .
Il genere fraxinus , proveniente dalle zone temperate dell'emisfero settentrionale , comprende 65 specie di alberi e arbusti, cresce rapidamente e sopravvive in ogni terreno , anche in condizioni ambientali difficili per inquinamento e salsedine , forti venti , temperature troppo basse o elevate .
Questo albero gradisce l'esposizione in pieno sole o mezz'ombra , sopporta terreni umidi o con scarso drenaggio .
Nei giardini , va irrigato nella stagione piu' secca .

Cantiere d'arte di Montepulciano

L'arte contemporanea, e in particolare , la musica contemporanea , e' di casa da sempre al cantire internazionale d'arte di Montepulciano.
Fin dalla prima edizione del cantiere , nell'ormai lontano 1976 , il difficile cammino intrapreso dal geniale compositore tedesco Hans Wermer Henze e' stato quello di produrre cultura , di educare la popolazione di Montepulciano e il pubblico in generale all 'arte e al bello , confrontandosi certo con i monumenti del passato , ma coniugandoli sempre con le piu' innovative spinte di oggi .

lunedì 29 dicembre 2008

Walter Radaelli

Il celebre ristorante di Walter Radaelli riapre i battenti in un nuovo ambiente nel centro di Bettolle, diventa locanda con 6 confortevoli camere, anche se a noi interessa molto di piu' l'aspetto culinario della faccenda!
Da Walter infatti indimenticabili celebri magnate storiche, con dei dolci da perdere la testa.
Per me poi fondamentale alzarsi da tavola senza la sensazione di pesantezza che troppe volte ci regala la buona ma un po' pesina cucina toscana.
Consigliato caldamente!

Museo del Tessuto di Prato

La memoria storica di una citta' impegnata nella produzione tessile da oltre 800 anni.
L'evoluzione del tessuto per lo sport e visite guidate all'interno del Museo del Tessuto.
Finora l'unico museo al mondo interamente dedicato all'arte e alla tecnologia tessile , con un patrimonio di estremo interesse per qualita' e varieta' delle collezioni , occupa gli ambienti di una ex fabbrica , gioiello di archeologia industriale del diciannovesimo secolo.

Cetona

Visite guidate:
il Museo civico per la Preistoria del Monte Cetona documenta le piu' antiche fasi del popolamento umano nel territorio , dal paleolitico medio alla fine dell'eta' del bronzo.
Strettamente collegato al museo e' il Parco archeologico naturalistico di Belvedere dove sono localizzati i principali insediamenti preistorici .
E' possibile visitare alcune delle cavita' che si aprono nel travertino , adeguatamente illuminate ed attrezzate .

Il ritorno della fiorentina

Vino , olio , formaggi le carni , i salumi , gli insaccati.
Sapori schietti e forti , profumi intensi , ingredienti ideali per una classica cucina tonale che amalgama gli elemnti in un sovragusto complessivo , ma altrettando ideale per una cucina timbrica , innovativa , che predilige distinguere i sapori .La toscana e' davvero il paradiso del gourmet : vi suggeriamo alcuni prodotti da non perdere.
E' universalmente noto come la Toscana sia la regione italiana a piu' alta vocazione enologica.
La diffusione planetaria del Chianti Classico , la secolare saga del Brunello di Montalcino , e poi la magica suggestione legata ai Supertuscans , nomi ormai leggendari come Sassicaia e Ornellaia , prestazione eccezzionali di aziende e cantine trainanti , sanciscono risultati straordinari nella produzione vinicola locale e fanno da battistrada per zone che stanno imponendosi per costanza qualitativa e altissimo livello tecnico.
Aree come i Colli Aretini , San Gimignano , ma anche la Maremma settentrionale , dove si stanno affermando vini in ogni senso strepitosi , le colline Pisane , l'alta Toscana.
E poi ci sono anche gli altri , tanti sapori , che rendono la mensa toscana unica , inimitabile , illuminante della gastronomia italiana: il lardo di Colonnata , la Cinta Senese , la qualita' delle carni racine' della solenni chianine che solcano gravi le la fertilissima terra della Chiana .

domenica 28 dicembre 2008

I musei nel museo

Convegno - incontro sul tema museo e comunicazione : coinvolgere i visitatori nela costruzione di strumenti e offerte culturali ed educative " a misura di " , attraverso processi di ascolto incentrati sulla partecipazione.
Durante l'incontro verra' presentato il questionario sul rapporto ragazzi-museo realizzato nell'ambito del progetto i musei nel museo cofinanziato dalla Regione Toscana.
Sede del convegno e' il Museo Archeologico di Castellina in Chianti , che racconta la storia del Chianti Senese e offre guide cartacee in quattro lingue, guide gioco per bambini , proiezioni multimediali.

La donna Etrusca nell'antichita'

Una sezione del Museo Civico e Archeologico di Chianciano Terme interamente dedicata alle donne : una scelta che potrebbe sembrare azzardata parlando genericamente dell' antichita' , che appare quasi sempre come un mondo declinato al maschile.
E invece la donna etrusca aveva raggiunto una dimensione sociale notevole , come testimoniano le immagini sulle ceramiche e gli oggetti di uso quotidiano rinvenuti in sepolture femminili.
Significativo dell' importanza che avevano le donne in questa societa' , e ' anche il fatto che molti maschi delle famiglie di classe piu' elevata erano soliti aggiungere ai nomi della loro discendenza anche quello della madre.
Cosmesi e bellezza : anche allora la bellezza era un ideale da raggiungere a mezzo di specchi , pettini , pinzette depilatorie ed altri accessori.
Gli unguenti , poi , arrivavano anche da terre lontane.
Molte le scene riprodotte sui vasi che rappresentano momenti di abluzioni e toilette presso vasche e fontane , in mezzo ad un universo di ancelle che avevano l'incarico di prendersi cura della bellezza della propria padrona.
Alle Terme di Chianciano la bellezza ha 2000 anni!
Programma Larthia :
trattamento viso purificante
trattamento viso specifico
doccia francese con massaggio
talasso bagno termale all'argilla verde
fango termale anticellulite

Mercato biologico delle Crete Senesi

Prodotti dell'agroalimentazione, artigianato e bio architettura nel segno della qualita' e del rispetto per l'ambiente.
Il Mercatino delle Crete , ogni seconda domenica del mese , raddoppia e diventa bio .
A partire da domenica 10 aprile , a fianco del tradizionale appuntamento con prodotti tipici , artigianato locale , antiquariato e curiosita' , arriva nel centro storico di Asciano , Naturalia , mercato biologico delle Crete Senesi.
Un viaggio alla scoperta del mondo del biologico tra produzioni di qualita' giornate a tema e momenti di approfondimento per tutti i cittadini e visitatori.
Un'occasione unica per conoscere tutti i prodotti dell'agroalimentare senese e non solo.
Ogni mese , infatti , le migliori produzioni di qualita' biologiche delle regioni italiane saranno protagoniste con le loro eccellenze .

Ristorante la terrazza

Bagnovignoni , piazza delle Sorgenti 13, San Quirico d'Orcia , Siena.
Cucina tradizionale toscana con piatti di pasta fatta a mano , carne chianina IGP , pasticceria artigianale e vini tipici toscani.
Chef Manuele Graziani.

Arte:genio e follia

Siena, Gennaio 2009 Plazzo Squarcialupi, Santa Maria delle Scala.
Una mostra curata da Vittorio Sgarbi con oltre 150 opere che ripercorrono " il giorno e la notte dell' arista" attraverso i secoli.

sabato 27 dicembre 2008

Teatri e luoghi d'arte

Accademia europea di musica ed arte di Palazzo Ricci.
L'accademia di Palazzo Ricci e' stata inaugurata nel 2001 al termine dei restauri del palazzo rinascimentale che la ospita e da cui prende il nome.
E' la prima importante istituzione musicale tedesca stabile in Italia.
Il progetto nasce da un accordo con l'amministrazione comunale di Montepulciano e la Hoch-schule fur Musik Koln , il piu' grande conservatorio della Germania e grazie anche al generoso aiuto di sponsor privati e sostentiori, che hanno fondato l'associazione senza fini di lucro Palazzo Ricci e V per garantire una base finanziaria al progetto.
Ogni anno l'accademia offre circa 25 master class e laboratori di altissimo livello che sono frequentati, con grande profitto , da numerosi giovani musicisti di talento provenienti da tutto il mondo.
Organizza inoltre una stagione di concerti nella storica citta' di Montepulciano.

Piancastagnaio

Capodanno in piazza 31 dicembre
Festa sotto la Rocca
Aldobrandesca con fuochi d'artificio e musica e balli dal vivo
Piancastagnaio : per info tel 0577 786024

Un paese nel presepe

Festeggiamenti natalizi nel centro storico di Rapolano .
La notte del 24 dicembre a mezzanotte viene inaugurato il presepe monumentale che entra nel percorso presepiale , dislocato nell varie chiese del paese fino al museo del presepe.
Il 26 dicembre si svolge il tradizionale fierone.
Un paese in festa dal 15 -12 al 6-1

Gocce di grappa

Quinta rassegna Toscana del distillato italiano.
Degustazioni, corsi , eventi legati alle grappe nazionali.
Colle Val d' Elsa info tel 0577 921334

Tesori di San Gimignano

Una grande manifestazione lunga due mesi che presenta una citta' "bella e buona " .
Ovvero arte , spettacoli e soprattutto mostre mercato con degustazioni dei prodotti fiore all'occhiello di San gimignano quali la vernaccia , lo zafferano e l'olio extra vergine di oliva .
San Gimignano info tell: 0577 940008

Il Bravio delle botti

La gara consiste in una corsa che si sssssssvolge lungo le vie principali di Montepulciano, non piu' con i cavalli ma con botti del peso di oltre 80kg , fatte rotolare da" spingitori " rappresentanti le 8 contrade.
La corsa viene preceduta da un corteo storico di oltre 200 figuranti in costume trecentesco , ogni contrada e' rappresentata da tamburini, sbandieratori , portainsegne , dame , cavalieri , dal capitano, dagli armati e dal magistrato.

Un borgo nel verde

Il piccolo borgo di Trequanda sorge adagiato su un colle , completamente circondato da boschi fittissimi e da ordinate coltivazioni di vigne e ulivi, in una delle aree naturali piu' integre della zona di Siena .
Trequanda ha la grande fortuna di essere sufficientemente distante dalle direttrici stradali piu' trafficate e anche per questo motivo e' divenuta una delle mete predilette dagli amanti del turismo in campagna e a contatto con la natura.
Il centro storico e' tutto raccolto attorno a quelli che sono gli edifici di maggior rilievo : il castello Cacciaconti , dall' imponente torre cilindrica , e la chiesa dei santi Pietro e Andrea , che domina l'area della piazza .
Questo minuscolo borgo rappresenta cio' che di piu' autentico puo' trovare il visitatore in cerca della toscanita' piu' classica , quella rappresentata nei fondali di mille calendari e spot pubblicitari e film e documentari.
Vi sorprenderete a constatare che tutto cio' e ' vero , reale , perche' esiste in questo piccolo angolo di Toscana.

venerdì 26 dicembre 2008

San Giovanni terme di Rapolano

Le acque minerali delle piscine di san Giovanni Terme di Rapolano sgorgano naturalmente dalla sorgente alla temperatura di 39 gradi .
Gli elementi naturali che le compongono sono pricipalmente zolfo , elemento che ne caratterizza l'odore e il bicarbonato di calcio.
I due elementi uniti alla temperatura elevata delle acque conferiscono a queste ultime proprieta' curative particolarmente indicate per trattamenti della pelle e degli apparati motori e respiratori.
Oltre alla sensazione di rilassamento e di benessere generalizzato che un bagno di queste acque dona , questo da effetti cosmetologici sulla cute migliorandone l'aspetto e combattendo affezioni dermatologiche quali psoriasi , dermatiti eczemi .
A livelo motorio le acque termali di Rapolano permettono una attenuazione della rigidita' muscolare e conferiscono maggiore elasticita' ai tessuti.
L'inalazione dei vapori spontanei ha un effetto disinfettante sulle vie aeree con netto miglioramento della respirazione.

In Mongolfiera sulle Crete Senesi

In mongolfiera, sospesi fra cielo e terra per ammirare dall'alto il cuore della terra piu' amata del mondo.
Poter atterrare direttamente in una tartufaia e scoprire gli angoli piu' segreti dove nasce il tubero piu' preziosi :il tartufo bainco delle Crete Senesi.
Un 'esperienza unica al mondo da vivere in una terra unica al mondo.
per informazioni tel : 0577 80 30 76 .

I Butteri Maremmani

La vita dei butteri maremmani, a difesa di un mondo che non deve scomparire.
Una vita dura, quella dei butteri maremmani, una vita di sacrifici, difficile da copire , forse , per la mentalita' moderna , spesso tesa alla ricerca di un successo e di un benessere fondati su valori effimeri.
Giornate faticose, spese all'aria aperta , senza orari , con il sole o con la pioggia , nel tentativo di salvaguardare un angolo di mondo che non deve scomparire .
Totalmente immersi nella natura di questa zona , un tempo ostile , domata dalle bonifiche , e oggi in gran parte protetta , i butteri sono testiminianze viventi di un passato che qui ha radici e tradizioni ancora profonde.
Legati alle antiche consuetudini , anche nell'abbigliamento e nell'attrezzatura usata nel lavoro che conservano ancora dettagli dell'antan, questi personaggi dal fascino rude sono oggi impegnati soprattutto nella tutela delle pregiate razze di bovini ed equini maremmani , di cui devono assicurare la conservazione della purezza.
Ma evocano brividi da Far West , portando alla mente l'epopea di bufalo Bill e dei cowboy d'oltreoceano.

Un aroma che ha fatto storia

Forse nuocera' alla slaute dei polmoni , certo e' che il sigaro Toscano ,all'economia agricola e industria della terra che fu dei Medici e dei Lorena ha fatto proprio bene.
e questo da oltre 200anni , da quando, alla fine del 700 , cosi' vuole la leggenda riportata ne il toscano, agile guida storico -scientifica di Francesco Testa e Aroldo Marconi edita da Giunti , un acquazzone estivo rovescio' tanta pioggia da inzuppare alcune botti di tabacco kentucky lasciate all'aperto.
Eravamo a Firenze e ancora il tabacco d'importazione veniva manipolato artigianalmente da alcuni gruppi familiari.
Sorse il problema se il prodotto dovesse ritenersi perso perche' intanto aveva fermentato ed era divenuto maleodorante, oppure se si potesse provare ad ad utilizzarlo come ripieno per ridurre il danno.
Si opto' per la seconda soluzione e si creo il sigaro fermentato, senza sottofascia per risparmiare materia , il toscano, appunto.

La Befana..

vien di notte con le scarpe tutte rotte!
E siccome L'Epifania tutte le feste se le porta via , e ' l'ultima occasione di Gennaio per godersi qualche giorno di vacanza nelle terre di Toscana.
E' tradizione all 'Aia Vecchia festeggiare con i bambini nelle sale comuni, la befana arriva dopo cena e porta dolcetti e caramelle per tutti e come al solito terrorizza i piu' piccolini perche' poverina e' cosi' brutta!!
Vi aspettiamo per trascorre una piacevole festa in famiglia nell'atmosfera calda e unica dei nostri appartamenti.

Pan co'santi

Anche questo dolce deriva dal pane mielato , e ne conserva piu' da vicino le caratteristiche originarie, cioe' un pane comune addolcito , insaporito con uvetta , noci , mandorle , miele e condito con olio di oliva , strutto e pepe, ma strutto e pepe sono oggi praticamente scomparsi dagli ingredienti.
E' tradizione consumare il pan co' santi in occasione della festivita' di Ognisanti oltre che con il vino novello e il vin santo appena spillato dalle botti.

Treno natura

Un Capodanno particolare , in treno , questa volta non d'epoca per garantire una temperatura calda attraverso la Val D'Orcia fino a Sant' Angelo Scalo .
Sul treno animazione e lungo il percorso fuochi d'artificio, cenone , e balli fino al mattino.
Partenza da Siena ore 17/18
rientro alle ore 6.00 del mattino

giovedì 25 dicembre 2008

La festa di Capodanno

Come sempre ci siamo organizzati per l'ultimo dell'anno.
I nostri ospiti, tutti degli abitue' dell'Aia Vecchia si organizzerranno per una grande festa nelle sale hobby.
Grigliate di carne al camino, castagne, pasta fatta in casa, la tipica atmosfera toscana per festeggiare tutti assieme l'arrivo del nuovo anno.
Naturalmente ci saremo anche noi, per controllare che tutto sia perfetto e per fare un piccolo brindisi con i nostri ospiti-amici.
Dopo la mezzanotte e' di rigore ammirare i fuochi d'artificio che il treno natura fara' , come tutti gli anni, dal ponte della ferrovia di Montalceto a 200 mt dall 'agriturismo.
E' uno spettacolo meraviglioso vedere i mille riflessi dei fuochi nel cielo sopra le biancane!
L'occasione e' giusta per auguravi un Buon Anno!

mercoledì 24 dicembre 2008

Il ritorno del dio della foresta

Per rubarne la vigoria fisica gli anitchi Greci indossavano la sue pelli durante i riti di Dionisio .
Mentre i Celti lo adoravano sotto le sembianze di Cernunno, dio dell'abbondanza con le grandi corna, e portavano i suoi talismani ( corna, denti , peli, droghe, grasso dell'animale mischiati con erbe) per affrontare le mille difficolta' della vita.
Per Sant ' Ambrogio e San Bernardo il cervo rappresenterebbe l'immagine di Cristo che schiaccia sotto i piedi il serpente, simbolo della potenza infernale.
Sono solo tre esempi, ma sufficenti per testimoniare il ruolo che quest'animale rappresenta nel nostro immaginario.
Non sempre questo ruolo lo ha salvato dalle offese.
E dalla morte.
Se nell'antichita' veniva considerato un dio sino a l'altro ieri e' stato soprattutto un ambito trofeo di caccia.
E non e' un caso che all'inizio dell'800 nelle foreste del Casentino era praticamente scomparso.
Oggi, fortunatamente, la situazione e' cambiata.
Il dio pricipe della foresta e' tornato.
Imponente, forte nella corsa, esuberante nel portamento, maestoso quando mette in mostra il gigantesco palco di corna, il cervo e' tornato in forze sulle montagne.
Popola i boschi , di cui e' l'incontrastato dominatore.
E, in autunno, lacera il silenzio delle notti con il suo possente bramito, la sua voce inconfondibile, una sorta di muggito rauco e profondo, colonna sonora della stagione degli amori.

martedì 23 dicembre 2008

Il tartufo

Il tartufo e' un fungo ipogeo, cioe' cresce sotto terra fino a 50 cm di profondita'.
Vegeta in simbiosi con alcune piante quali la quercia, il salice , il pioppo , il tiglio e anche il nocciolo.
L'intensita' e la finezza del suo profumo e anche del suo sapore dipendono e si differenziano a secondo dell'albero con cui e' in simbiosi.
Il tartufo si ricerca abitualmente con la collaborazione del cane , che appositamente addestrato, riesce a percepire l'odore a decine di metri di distanza, .
Il periodo migliore per la sua raccolta e' l'autunno avanzato nei mesi di ottobre e novembre e anche in annate particolari fino a dicembre.
Il tartufo bianco , che viene raccolto da ottobre a dicembre si usa a fettine fini sugli antipasti, carni crude, taglatelle risotti e anche sulle uova al tegamino.

lunedì 22 dicembre 2008

Dogfriendly

Benvenuti amici a 4 zampe!
Ci stavamo proprio dimneticando di dire che l'agriturismo Aia Vecchia accetta animali quali cani, gatti ecc.. nei propri appartamenti.
Non sono ammesse razze di cani aggressive ma per il resto tutti sono i benvenuti, ad attenderli una deliziosa cagnetta meticcia di nome Emma, e i micioni soriani Giulietta e Romeo.
Come poter andare in vacanza senza la compagnia dei nostri feledi compagni a 4 zampe!!
Ora non avete proprio piu' scuse, vi aspettiammo!

domenica 21 dicembre 2008

Castiglione della Pescaia

Castiglione della Pescaia
mura_di_castiglione_della_pescaia_e_campanile_chiesa_di_santa_maria_del_giglio

Una città dall’anima medioevale che incanta col suo litorale e la sua tradizione culinaria. Castiglione della Pescaia la terrazza dalla quale si ammira la piana di Grosseto, l’Argentario e l’Isola del Giglio e che offre diversi itinerari naturalistici alla scoperta degli angoli più belli della Maremma.

Musei delle Crete

Asciano :
Museo d'Arte Sacra , Palazzo Corboli
Museo Amos Cassioli , Via Mameli
Buonconvento :
Museo d'Arte Sacra della Val d'Arbia, Via Soccini 18
Museo della Mezzadria, Piazzale Garibaldi
Rapolano Terme:
Museo della Grancia, Serre di Rapolano
San Giovanni d'Asso:
Museo del Tartufo, Castello

Teatro povero di Monticchiello

Il teatro povero nasce e si sviluppa a Monticchiello molto prima della precisa data del suo inizio.
L'esperienza teatrale sembra essere una componente strettamente legata alla vita e alla storia della comunita' sin dal passato , come confermano numerose testimonianze.
Le prime rappresentazioni drammatiche risentono infatti di una primitiva vocazione alla festa popolare e costituiscono momenti ricreativi che accompagnano la vita del paese .
In seguito, quando si comprende che attraverso questo complesso rituale il paese puo' vincere il richio dell'isolamento e della disomogeneita' , il teatro assume per Monticchiello un significato nuovo ed importante.
L'impegno quindi si prepara e matura in un clima di solidarieta' civile ed intellettuale.
Il teatro diventa un importante sostegno al processo autocritico svolto dalla collettivita' nel tentativo di riconoscersi e realizzarsi.
Il teatro povero di Monticchiello si caratterizza , oltre che per l'originalita' dell' attivita' teatrale principale, attraverso tutta una serie di iniziative che si svolgono durante tutto l'arco dell'anno.
Spettacoli invernali, collaborazione con gruppi teatrali universitari, seminari e concerti si affiancano ad appuntamenti che arrivano direttamente dalla tradizione popolare locale.

Il Palio di Siena

Il Palio e' la vita del popolo senese nel tempo e nei diversi suoi aspetti e sentimenti.
Esso ha origine remote con alcuni regolamenti ancor oggi validi dal 1644, anno in cui venne corso il primo palio con i cavalli, cosi' come ancora avviene , in continuita' mai interrotta.
Il territorio della citta' e' diviso in 17 contrade con dei confini stabiliti nel 1729 dal bando di Violante di Baviera , governatrice della citta' .
Ogni contrada e' come un piccolo stato , retto da un seggio con a capo il Priore e guidato nella giostra da un Capitano .
Possiede , entro il suo territorio , una chiesa con annessa la sede dove viene custodito tutto il suo patrimonio.
Il Palio e' una secolare celebrazione alla quale partecipa spontaneamente tutto il popolo senese , e si corre nella Piazza del Campo il 2 Luglio e il 16 Agosto di ogni anno.

Il buristo

Il buristo e' un insaccato antico diffuso in Toscana.
Il buristo e' insaccato nello stomaco del suino per questo ha una forma irregolare per un peso che supera normalmente il chilo e mezzo.
Si ottiene disossando tutte le parti della testa del maiale messe a bollire in un gran pentolone con limoni, bucce d'arancia, salvia, aglio, sale e pepe.
Alle parti disossate vengono aggiunti i lardelli di grasso tagliato a cubetti e il sangue filtrato.
Il tutto viene di nuovo insaccato e bollito per compattare il sangue e il grasso con il resto.
Gia' nell'antichita' veniva preparato dai guerrieri sul campo di battaglia.
Nell'antica Roma veniva mangiato in onore di Fauno, dio della fertilita' e dei boschi , in occasione della festa Lupercalia .
Nel primo Medioevo venne vietato piu' volte a causa del suo rapporto con le tradizioni pagane.

sabato 20 dicembre 2008

Sammezzano:assaggio d'oriente

Passandoci oggi non si direbbe che lungo la statale ( oggi regionale ) del Valdarno Superiore , che da Firenze porta ad Arezzo , parallela o quasi al percorso dell ' Autosole, per secoli e secoli ha viaggiato la storia dell' Europa .
La direttrice era la piu' praticata per chi dal nord voleva recarsi a Roma , da quando gli itinerari interni della via Francigena, a causa delle vicende della geopolitica , erano diventati secondari.
Era la strada dei viaggiatori del gran tour Felix Mendelssohn .
Nell'800 sara' la direttrice della ferrovia e nel 900 quella dell'autostrada.
Siamo nel cuore dell' Italia, ma anche nel Rinascimento: poco piu' in quota, a est, lungo le pendici del Pratomagno , passa la strada dei sette ponti , ( cammino noto gia' agli Etruschi nonche' ad Annibale ed i suoi elefanti ) passato il crinale, ad ovest, i percorsi che attraverso il Chianti collegano Firenze con Siena.
Per restare in zona a San Giovanni Valdarno e' nato Masaccio , di Incisa era originaria la famiglia di Francesco Petrarca, in quel di Arezzo vide la luce Giorgio Vasari , mentre a Caprese, solitario borgo tra Arno e Tevere , ebbe i natali Michelangelo.
Oggi il fondovalle si raccomanda agli appassionati del turismo commerciale , che affollano i ricercatissimi outlets.
Ma basta lasciare il piu' noto villaggio griffato della zona e si entra in un mondo del tutto inaspettato: il parco e il castello di Sammezzano , il cui rosso frontone semicircolare , occhieggia da una piccola altura, come un vessillo piantato fra il verde.
Il castello era in origine un fortilizio, sottoposto nel corso dei secoli alla trafila degli insediamenti consimili.
Nel 500 pacificate le terre di Etruria dalla signoria medicea , diventa una fattoria , attorno lal quale si estendeva un'immensa tenuta di caccia che arrivava a lambire i possedimenti dell'abbazia di Vallombrosa.

Cinta senese

La cinta senese ha origini anitchissime ma ancora incerte.
Una della prime testimonianze della sua esistenza e' l'immagine effigiata nell'affresco del Buon Governo di Ambrogio Lorenzetti nel Palazzo Comunale di Siena , risalente al 1338 .
Fatto e' che introdotta nell'area senese ebbe subito una buona diffusione per le sue caratteristiche di robustezza e di facile adattabilita' ad essere allevata allo stato brado.
Fino agli anni '50 tutte le famiglie contadine allevavano qualche animale di cinta per poi lavorarne le carni e fare scorta di salumi.
Negli anni '50 inizio' l'introduzione delle razze suine " bianche " , questa razza era piu' prolifica della cinta e l'animale era pronto per la macellazione dopo soli 6 mesi di vita .

Museo civico e archeologico di Sarteano

Presentazione del restauro di una nuova scoperta : il gruppo cinerario delle Pianacce.
Verra' esposto per la prima volta al pubblico, dopo un lungo e complesso restauro condotto nel piccolo laboratorio del museo di Sarteano, lo straordinario gruppo cinerario di pietra fetida con defunto e Vanth , rinvenuto nel 2006 nella tomba 13 nella necropoli Etrusca delle Pianacce .
Si tratta di una recentissima scoperta di un eccezzionale esempio di scultura etrusca di epoca tardo classica, molto rara, e che ha un solo esempio analogo , inoltre e' la prima di cui si conosca il complesso di provenienza dato che tutti gli altri rinvenimenti simili sono avvenuti nell'800.
Le suggestive sale cinquecentesche del Palazzo Gabrielli, accolgono il museo con i loro camini , i soffitti con stemmi e la singolare porta del morto che fa risalire il palazzo al tredicesimo secolo.

venerdì 19 dicembre 2008

Chiara ed Emma vi fanno gli auguri

Il Panforte di Siena

Il Panforte di Siena e' un dolce tipico senese , consciuto fin dall'alto Medioevo.
In origine era una semplice focaccia molto dolce, preparata con farina di grano e miele.
Poi si arricchi di frutta ricca di zuccheri come uva e fichi, ma con il caldo la frutta ammuffiva e allora fu chiamato forte, perche' forte indicava il sapore di acido.
Con la scoperta delle spezie ( i chiodi di garofano , la cannella, il pepe , la noce moscata, il coriandolo ) questi dolci diventano Pan Pepati.
Il Panforte Nero o Panpepato e' il Panforte classico.
Era un dolce costoso , che si trovava solo nelle feste piu' sontuose.

Vernaccia di San Gimignano

La Vernaccia di San Gimignano viene prodotta in una ristretta zona della Toscana coincidente con il territorio comunale di San Gimignano , e' stato il primo vino a ricevere il marchio di Denominazione e Origine Controllata DOP , nel 1966.
L'inizio della sua produzione viene collocato intorno al 1200 per mano di un certo Vieri de Bardi e dei suoi figli.
Il primo documento ufficiale risale invece al 1276 e si tratta di ordinamenti della gabella del comune di San Gimignano, che dimostrano come i commercio di questo vino fosse gia' fiorente e redditizio.
Nel 1468 la Vernaccia va' ad allietare gli invitati del banchetto di nozze dei Medici-Rucellai , successivamente i pasti di Lorenzo il Magnifico.

giovedì 18 dicembre 2008

Orcia DOC

Protagonista indiscusso dei vini Orcia e' il Sangiovese.
Questo nobile vitigno e' il fil rouge che lega la nostra storia enologica alle terre dell'Orcia.
La zona di produzione della DOC Orcia si trova tra quella del Brunello di Montalcino e quella del Nobile di Montepulciano, uno dei territori italiani piu' importanti per la produzione di grandi vini.
Tredici sono i comuni compresi nella DOC d'Orcia:
Buonconvento, Castiglione d'Orcia, Radicofani,Pienza, San Giovanni d'Asso, Abbadia San Salvatore, Chianciano Terme, Montalcino, San Casciano dei Bagni, Sarteano e Torrita di Siena.
Questa DOC e' disponibile nella tipologia Bianco , Rosso , Novello e Vin Santo.
L'Orcia Bianco presenta un colore giallo paglierino talvolta con riflessi verdognoli un odore fine e fruttato, e un sapore asciutto e armonico.
La gradazione minima e' di 11 gradi.
L'Orcia rosso presenta un colore rosso tendente al granato se invecchiato , un odore vinoso e fruttato e un sapore sapido e armonico.
La gradazione minima e' di 12 gradi.

Chianti

Il Chianti e' uno dei vini rossi piu'conosciuti ed apprezzati nel mondo .
Chianti identifica la zona geografica della Toscana centrale , compresa tra le province di Firenze e di Siena.
In questa zona specifica viene prodotto il Chanti Classico.
All'interno della zona del Chianti Classico si trova il nucleo originario del Chianti, ovvero i comuni di Gaiole, Radda e Castellina cioe' la vecchia provincia del Chianti cosi' come definita da Ferdinando terzo di Toscana.
Oggi la produzione del Chianti avviene in una zona che comprende , oltre la province di Firenze e di Siena , anche quelle di Arezzo ad est del Chianti, Pisa e Pistoia a ovest di Prato.
I primi documenti in cui il nome Chianti identifica una zona di vino risalgono al tredicesimo secolo e si riferiscono alla Lega del Chianti costituita a Firenze per regolare i rapporti amministrativi con i terzieri , produttori di vino rosso a base di Sangiovese.
Il vino Chianti se sottoposto ad un invecchiamento di almento due anni di cui almeno tre mesi di affinamento in bottiglia puo' avere la qualifica di " riserva"
I vini italiani prodotti nella zona viticola del Chianti si distinguono in :
Chianti Classico, Chianti Colli Aretini, Chianti Colli Fiorentini , Chianti Colline Pisane , Chianti Colli Senesi, Chianti Montalbano , Chianti Rufina, Chianti Superiore , Vin Santi del Chianti .

mercoledì 17 dicembre 2008

Vino Nobile di Montepulciano

Il vino nobile di Montepulciano e' un vino rosso di Denominazioe e Origine Controllata e Garantita prodotto nel territorio del comune di Montepulciano ed e' uno dei vini piu' antichi d'Italia.
Nel 1685 il vino Nobile di Montepulciano viene citato dal poeta Francesco Redi il quale, oltre ad elogiarlo nell 'opera Bacco in Toscana, scrisse un ode al conte Federico Veterani, dedicata esclusivamente all'elogio delle doti di questo vino.
Il vino prodotto a Montepulciano continuo' ad essere apprezzato nel tempo sino ad ottenere la DOC nel 1966.
Il vino Nobile di Montepulciano deve essere sottoposto ad un periodo di maturazione di almento 2 anni , a partire adl 1 gennaio successivo alla vendemmia .

Brunello di Montalcino

Il Brunello di Montalcino e' un vino rosso di Denominazione e Origine Controllata e Garantita, prodotto nel territorio di Montalcino.
Il Brunello di Montalcino puo' essere considerato , insieme al Barolo, il vino rosso italiano dotato di maggiore longevita', esso e' stato inoltre il primo vino a ricever la DOCG.
Fino alla seconda meta' dell'800 il vino piu' conosciuto ed apprezzato della zona era un vino bianco dolce , il Moscadello di Montalcino, fu in quel periodo che Clemente Santi inizio' a studiare le potenzialita' di un clone del vitigno Sangiovese,il Sangiovese Grosso, localmente chiamato Brunello a causa del colore particolarmente scuro degli acini.
Intorno al 1860 , il nipote di Clemente, Ferruccio Biondi Santi, inizio' a produrre un vino rosso che dimostro' da subito di possedere eccellenti qualita'.
Tuttavia il Brunello rimase per molti anni un vino conosciuto ed apprezzato solo nei dintorni della zona di produzione.
Fu solo dopo il 1950 che la fama del Brunello di Montalcino si estese prima all 'Italia e poi all' estero.
Il Brunello di Montalcino deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento di almeno due anni in contenitori di rovere e almento quattro mesi in bottiglia , non puo'essere ammesso al consumo prima del 1 gennaio dell'anno successivo al termine di cinque anni calcolati considerando l'annata della vendemmia.

Buon Natale

Favola di Natale

C'era una volta una piccola fiammiferaia....mmmm mi sa che l'ha già scritta qualcuno..... C'era una volta un principe e un povero....anche questa mi suona familiare.... C'era una volta un vecchio avaro....mannaggia anche questa è nota. Dai riproviamo: C'era una volta una bambina, con occhi grandi e scuri e mani piccole e sottili. La bambina viveva in un paese lontano lontano, in un palazzo alto e antico. Aveva un animaletto da compagnia di indefinibile razza che amava più di ogni cosa al mondo. Ogni mattina la bambina si svegliava che faceva ancora buio, si avvoltolava nella sua gigantesca sciarpa di lana e si avventurava per le fredde strade della città. Nel periodo natalizio le lucine degli addobbi creavano complicate geometrie sul suo faccino pallido. La bambina ogni mattina si recava...

martedì 16 dicembre 2008

Migranti italiani

Tutti vogliono essere toscani oggi, negli Stati Uniti.
Il mito di questa regione si nutre infatti di vari elementi:
dalla Cortona di " Under the Tuscan sun " alla casa in collina dei ricchi americani nel Chianti o nel Senese , dall" olio bono " che invade le cucine dei buongustai ai programmi estivi degli studenti universitari a Firenze.
La Toscana e' presente nella mente americana con lustro e prestigio .
Eppure , amata e ricercata ,la Toscana non e' cosi' nota come puo' esserlo la Sicilia del Padrino al grande pubblico.
La storia dei Toscani in America vanta grandi personalita' come Antonio Meucci che nacque a Firenze nel 1808 e visse negli Stati Uniti, a Staten Island, dove lavorava in una fabbrica di candele che diede lavoro niente meno che a Giuseppe Garibaldi, suo affittuario.
Qui Meucci invento ' il telefono: il primo congegno funzionava fra la cantina e il piano superiore della sua casa che e' oggi visitabile.
Tra le comunita' Toscane degli Stati Uniti i gruppi piu' nutriti si trovano a San Francisco, Pittsburg e Chicago.
I Toscano-Americano contano oggi ben 13 associazioni con cui la regione Toscana tiene forti legami.
La meta' e' dedicata ai Lucchesi e una e' un club di tifosi della Fiorentina, il Viola Club, che ha sede niente meno che a new York!

domenica 14 dicembre 2008

Poggibonsi

Serie di eventi e percorsi guidati destinati a celebrare il quinto anno di apertura del parco archeologico e tcnologico di Poggio Imperiale , al fine di stimolare il pubblico alla sua conoscenza e alla riscoperta del millenario valore storico e archeologico , del fascino monumentale e naturalistico , e del potenziae di aggregazione socio-culturale.
La collina di Poggio Imperiale, incorniciata da una monumentale fortezza Medicea e' il patrimonio storico, archeologico, ambientale di rilievo nazionale, si segnala il Cassero, vasta area archeologica e itinerari tematici di collegamento.

Sinagoga di Siena

Visite guidate in italiano e in inglese alla Sinagoga di Siena , la piu' antica della Toscana, un esempio di estrema eleganza ed armonia.
In Via delle Scotte, a pochi passi da Piazza del Campo, si trova la Sinagoga di Siena.
Progettata dll' architetto Giuseppe del Rosso nella seconda meta' del Settecento e' l'unica tra le Sinagoghe antiche rimasta in Toscana e rappresenta uno dei pochi esempi di architettura tra il Rococo' eil Neoclassicismo nella nostra regione.
La semplice facciata esterna, si contrappone alla grande sala interna , di estrema eleganza ed armonia , sormontata da una bella volta a botte finemente decorata con stucchi di colore bianco e azzurro al cui centro sono rappresesntate le Tavole dlla Legge .
Al centro della sala si trova il Podio ( Teva'), secondo l'uso delle sinagoghe pre-emancipazione e' realizzato in legno dorato e arricchito con 9 candelabri
Sinagoga , Via delle Scotte tel: 055 2346654

Golf Club Valdichiana

Il golf club Valdichiana e' facilmente raggiungibile dall'Autostrada del Sole ( a 2km dall'uscita 28, valdichiana) e dista solo 1 km dall'uscita per Bettolle della superstrada Siena -Perugia .
Non dimenticate che e' anche al centro di una zona ricca d'arte di cultura , di tradizioni.
E' a 50 km da Siena, 70 da Firenze, 25 da Pienza , 18 da Montepulciano, 23 da Cortona,a 32 da Arezzo,
Il lago Trasimeno e il cuore verde dell'umbria sono anch'essi a portata di mano.
In un ambiente rurale dalla tipica bellezza toscana, il golf club valdichiana vi offre un percorso di 9 buche dove, presso il campo pratica, chi vuole potra' anche imparare a giocare sotto la guida attenta e la supervisione del maestro Sestilio Alfiero Pellegrini.
In loco e' anche disponibile l'attrzzatura completa da golf .

sabato 13 dicembre 2008

Il conte matto

Situato in un 'edificio storico, nel centro dello splendido paesino di Traquanda, il Conte Matto e' dotato di una superba terrazza panoramica con vista sulla Val di Chiana.
Le raffinate ricette dello chef rievocano piatti medievali, la carne rigorosamente Chianina e' assolutamente da provare.
Particolare attenzione e cura al carrello dei dolci e alla scelta dei vini.

Murlo

Il comune di Murlo si trova a cavalllo delle vallate del Merse, dell'Arbia e dell'Ombrone.
Di natura prettamente collinare , Murlo si trova in posizione strategica rispetto ad altri luoghi di importanza storica, artistica , ed economica della Toscana:
in auto si raggiunge Siena in 20 minuti, Firenze a meno di un 'ora, Montalcino ed il chianti, S Antimo , S Galgano a 30 minuti.
Nel territorio si trovano importanti insediamenti etruschi, tanto che si ritiene che proprio qui , in una terra tagliata fuori per secoli da assedi,traffici , invasione e pestilenze, rimanga ancora nelle vene della gente una buona parte DNA della popolazione etrusca.
La zona e' rimasta per circa 7 secoli senza subire mutazioni di rilevo, l'aspetto attuale del territorio si presenta all'occhio del visitatore con un'immagine di altri tempi, conservando al suo interno copiose tracce delle civilta'che vi sono succedute.
Luoghi di interessse culturale:
Castello di Murlo
Rocca gonfienti
Rocca Crevole
Fortezza di Monterpurtuso
Castello di Montorgiali

Menu' di Natale del Goccino

Pranzo di Natale



Aperitivo di benvenuto, bigné di broccoli su crema di pecorino e nocciole



Piccolo sformato di zucca gialla con gelato al foie gras
Crostini neri della tradizione
Terrina di cappone su insalatina di mele e valeriana



Doppi ravioli di brasato e ricotta in brodo di gallina
Straccetti di pasta all’uovo al ragù di lepre cucinata in salmì



Costoline di agnello in crosta di pistacchi con tortino di carciofi alla menta



Semifreddo al pan di spezie e torrone in salsa di frutti di bosco e cioccolato fondente


Ristorante “Il goccino” Lucignano (AR)

venerdì 12 dicembre 2008

Ristorante del Borgo

Ricavato da un antico convento di suore e sapientemente resturato, e' situato nel borgo medioevale di Scrofiano, frazione del comune di Sinalunga.
Racchiuso far le verdi colline della Val di Chiana senese , e' facilmente raggiungibile sia proveniendo da sud che da nord .
Gestito da una famiglia che opera nel settore da molti anni , con fare sapiente la chef mescola la cucina tipica toscana con tocchi personali che sconfinano a volte nella cucina umbro-laziale data dalle vicinanze di queste terre .
La pasta e' rigorosamente fatta a mano , il menu' cambia ogni 3 mesi lavorando solo con prodotti di stagione .
Anche ai dolci , tutti fatti a mano, e' dedicato uno spazio particolare ricercando antiche ricette rivisitate in chiave moderna.
Il coinvolgimento diretto dei piccoli produttori che fanno il loro lavoro con passione, stuzzica la fantasia della cucina attraverso una ricerca sempre nuova dei prodotti del territorio ,e non solo, guidandovi al matrimonio di cibo-vino con competenza ed estro .

La cornucopia

Il " club delle fattorie "e' nato oltre 30 anni fa a Pienza , al centro della magica Val d'Orcia.
Entrando in paese da Porta del Prato troverete subito il negozio la Cornucopia, cuore della propria attivita'.
Lo scopo del club delle fattorie e' quello di ricercare vini e specialita' alimentari prima che diventino famose e proporle ai propri aderenti a mezzo di un catalogo annuale e di successivi notiziari periodici.
L'assortimento e' costituito dai prodottti delle migliore tradizione artigianale e contadina d ' Italia:
vini, distilati, olii extra vergini di oliva, aceti balamici, formaggi, salumi, pasta, salse, mieli,marmellate, dolci, biscotti e , per concludere una sontuosa varieta' di cioccolato toscano d'autore.
Vale il viaggio !!

macelleria Ricci

Questa azienda nasce in un angolo della provincia di Siena, ricca di storia e tradizioni.
La cultura contadina e' quella che ancora ci permette di conservare l'amore per la cose genuine, i sapori veri.
Le carni che l'azienda Ricci lavora e produce sono cerificate ai massimi livelli , gli animali destinati alla macelllazzione vivono allo stato brado, e anche all'interno delle stalle lo spazio a loro disposizione permette una crescita sana ed equlibrata.
La razza delle bestie da carne e' la " chianina" una delle piu' importanti a livello mondiale.
I prodotti tipici che affiancano la vendita delle carni, rispecchiano le tradizioni alimenteri toscane, ed in particolare del senese.
Olio, vino, salumi, formaggi, conserve, cereali,tutti provenienti dalle aziende della zona selezionati rigorosamente in base a criteri di qualita' e genuinita'.

giovedì 11 dicembre 2008

Enoteca il salotto

Nel borgo antico di colle Val D'Elsa , in una storica casa torre del 1200, si trova l'enoteca il Salotto : un ambiente signorile e raffinato.
L'arredamento sobrio ed accogliente degli inizi del 1900 contribuisce a creare il calore e la giusta atmosfera per degustare i migliori vini toscani.
Tutti i giorni degustazione gratuita di un vino diverso , venerdi' degustazione di Brunello di Montalcino.

Enoteca di piazza

L'enoteca di piazza, situata nel centro storico di Montalcino offre ai suoi clienti una selezione di 150 produttori di Brunello e dei migliori Chianti , Nobile di Montepulciano e Supertuscans.
All'interno dei suoi locali , opportunamente climatizzati, i clienti potranno usufruire dell'aiuto di personale specializzato , di una sala adibita alla degustazione e di un reparto dove consultare le migliori riviste del settore.
La merce acquistata puo' essere spedita in tutto il mondo.

Tessitura a mano

A Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena nel laboratorio di Quinquatrus, associazione nata nel 2002 per promuovere attivita' di sviluppo locale sia legate all'arte del saper fare che alla memoria storico sociale , si tengono dei corsi di tessitura a mano settimanali e durante il week end diretti da Annemarie Ciminaghi.
Sottile, un eleganza sofisticata fatta di niente, Annemarie ci accoglie con il suo delizioso sorriso nel suo podere in Toscana , rusticissimo e caldo nella fredda giornata di Dicembre.
Contrasto forte, lei che sembra appena arrivata dalle strade piu' belle di Parigi con quello stile cosi' perfetto e il camino acceso e le pietre irregolari antiche della sua casa.
Annemaire e' cosi' anche nei lavori di telaio che l'anno resa notissima e amata da Milano a Tokio a New York .
Bellissimi lavori al telaio, eleganti e finissimi, con note di colori e filati rustici che si armonizzano e che davvero sono da guardare, da toccare.
Annemarie si rilancia nella bella Castelnuovo Berardenga per una nuova avventura.
Questi corsi sono particolarmente adatti per tutti coloro che intendono avvicinarsi all'artigianato e al lavoro manuale come attivita' essenziale per ritrovare i vecchi mestieri ormai dimenticati in un mondo di lavoro quasi completamente automatizzato.
I corsi sono corredati da materiali dimostrativi esposti nel laboratorio oltre a libri e materiale didattico.
Tutti i corsi comprendono una parte di insegnamento teorico e tecnico e una parte di esperienza pratica con la possibilita' di creare una sciarpa oppure una borsa , un gilet , uno scialle , tappetini e un piccolo arazzo.

mercoledì 10 dicembre 2008

Piero della Francesca

Una mostra, un itinerario in un evento unico.
Piero della Francesca, un vero gigante del pensiero e dell' arte del Rinascimento, e' stato allo stesso tempo il maestro piu' richiesto dalle corti italiane e il piu' intimamente legato alla sua citta' e alle sue terre.
Se ogni artista porta sempre il paesaggio della propria infanzia , Piero non solo non l'ha mai dimenticato, ma vi e' tornato con il pensiero piu' volte , sino a rivelarlo allo stesso viaggiatore d'oggi , che non puo' addentrarsi nelle terre di Piero senza guardarsi attorno con i suoi occhi.
La grande mostra di Piero della Francesca e le corti italiane, permette di mettere a confronto i capolavori di Piero presenti nelle sue terre ad Arezzo, Monterchi e Sansepolcro con i dipinti che il maestro ha realizzato in luoghi lontani , da Rimini a Urbino e anche di mettere Piero a confronto con le espresioni artistiche da lui conosciute nei suoi viaggi , dalla pittura fiamminga di Roger Van der Weyden alla classicita' della scultura romana.
Una mostra che inaugura le nuove strutture di accoglienza e didattica del museo statale d'arte Medievale e Moderna di Arezzo , che viene ad aggiungersi alle risorse museali d'una regione fra le piu' ricche d'europa per l'arte e la cultura.

Il carrello dei bolliti


Il carrello dei bolliti , l 'emozione di portare in tavola un carrello fumante con un' incredibile varieta' di carni assortite ( almento 7 ) accompagnate da salse variopinte.
La mostarda e la salsa verde rigorosamente fatte in casa esaltano il sapore delle carni ,
il piacere di ritrovarsi tutti in famiglia per gustare il bello ed il buono della tradizione e di concedersi il lusso della tavola con calma e serenita'.

Faces

Ritratti nella fotografia del ventesimo secolo.
Lucca, fondazione Ragghianti dal 15 novembre 2008 al 31 gennaio 2009.
Per la prima volta in Italia viene ripercorsa in una mostra la storia della fotografia di ritratto nel ventesimo secolo, attraverso circa 140 opere di 17 artisti, da Edward Steichen ad Andy Warhol e oltre.

martedì 9 dicembre 2008

Buon Natale


Quale migliore occasione per augurare a tutti voi un Buon Natale se non quella di parlarvi della calda atmosfera natalizia che si respira in questa zona della Toscana!
L'aria fredda e pulita, la vista che spazia tra dolci colline, biancane e calanchi dove lo sguardo si perde in una varieta' di toni dei marroni, degli ocra, le mille sfumature dei verdi..
Per un Natale piu' vero e mistico, dove si puo' aver la sensazione di trovarsi al centro di un presepe vivente e davvero fuggire dal consumismo e dallo stress cittadino per riappropriarsi dei tempi e degli spazi a misura d'uomo.
Buon Natale e Buone Feste a tutti voi , e se le passate in Toscana ... e' meglio!

Panzanella

La parola agli chef:
la scelta di queste ricette a base di prodotti integrali e biologici dimostra che e' possibile conciliare l'alta cucina , cioe' realizzare piatti accattivanti, creativi e gustosi,con un 'alimentazione salutista e attenta agli aspetti nutrizionali.
ricetta:
ammorbidire il pane in acqua , strizzarlo molto bene e disporre in una pirofila.
Pulire le verdure e tagliarle a pezzetti , condire con olio extra vergine di oliva , aceto e pepe a piacimento.
Guarnire con foglie di basilico.

Fiera di san biagio

Pietrasanta, centro storico, 3 e 4 Febbraio.
Nel giorno dei festeggiamenti del santo piu' amato dalla citta' di Pietrasanta viene organizzata una fiera di merci varie , con particolare attenzione ai prodotti ottenuti dalla lavorazione del marmo ma anche per l'artigianato.
In piu' una mostra agrozootecnica e il luna park.
L'esposizione della reliquia di san Biagio nel Duomo di San Martino e la benedizione della gola sono meta di migliaia di pellegrini.

domenica 7 dicembre 2008

Un bagno di latte "vero"

Non c'e' niente di piu' gradevole che riscoprire il sapore del latte appena munto.
In Toscana questo e' diventato possibile da poco tempo grazie all'installazione di speciali distributori automatici.
Ecco alcuni degli indirizzi:
Montepulciano ( Siena) Via Lauretana Nord 74 , azienda agricola Tufo Mirella
Piamcastagnaio ( Siena) Viale Giuseppe Vespa 7
Gallicano ( Lucca ) Via Fondovalle , antica fattoria di Cesaron di Pellegrini Ivonne

Risotto di agricoltura biologica con tartufo nero

Cuocete il riso in abbondante acqua salata per circa 18 minuti e scolatelo al dente.
In una pentola bassa mettete due cucchiai di olio extra vergine di oliva con scalogno tritato e fate imbiondire.
Subito dopo aggiungete le verdure tagliate a brunoise e versate il riso.
Aggiungete del brodo vegetale quanto basta per coprirlo.
Fate ritirare il brodo e subito dopo mantecate con burro , parmigiano e olio extravergine di oliva
Fate riposare per qualche minuto prima di servire.

Sagra di Suvereto

Suvereto, Livorno dal 30 novembre la 14 dicembre.
La festa e' nata per valorizzare le tradizioni del territorio e da' spazio al vino, alla gastronomia e alle rievocazioni storiche , con la Giostra degli Arcieri , l'esibizione degli sbandieratori e la rievocazione della concessione dell " charta libertatis " .
In tutto sono oltre un centinaio i figuranti che partecipano al caratteristico corteo storico per ricordare la concessione alla comunita' di Suvereto da parte del conte Ildebrandino degli Aldobrandeschi nel 1201.

sabato 6 dicembre 2008

I fuochi di Pontremoli

Ogni anno le due contrade di Pontremoli , il 17 e il 31 gennaio, si sfidano in una gara di falo' in riferimento alle epoche pagane , quando il fuoco veniva utilizzato per riti propiziatori, ma anche alle divisioni medioevali fra guelfi e ghibellini.
Il 17 gennaio e' la contrada di San Niccolo' ad accendere il falo' mentre il 31 tocca a San Geminiano.
Vince il falo' che sprigiona le fiamme piu' alte e che dura di piu' , se il fumo sale al cielo con una colonna dritta e' segno di buon auspicio per la citta'.
Massa 17 e 31 Gennaio.

venerdì 5 dicembre 2008

Festa di santa Lucia

Siena festeggia la sua patrona con cerimonie religiose e una fiera tradizionale.
Nella chiesa consacrata alla santa la funzione religiosa viene accompagnata dalla benedizione degli occhi e dall'offerta di panini benedetti.
Intorno al sagrato e nelle vicine vie sono allestite bancarelle che vendono prodotti di ogni genere, dolciumi, giochi, fiori e artigianato, oltre alle " campanine " in terracotta simbolo della fest decorate con i colori delle 17 contrade del Palio della citta'.
Siena 13 dicembre
per informazioni infoaptsiena @terresiena.it

mercoledì 3 dicembre 2008

Polpettine di sedano

Bollire il sedano, gambi e foglie,macinare finemente ed aggiunger pan grattato, 40 grammi di farina,uova e sel quanto basta.
Formare ora dlle palline e passarle nella rimanente farina,rosolarle leggergente in olio extra vergine di oliva.
In una casseruola fare un fondo di olio extra vergine di oliva, aglio,pomodoro tagliati a dadini e sale quanti basta.
Mettervi dentro le polpettine e far finire di cuocere.
Spolverare con prezzemolo.
P:S: cooking classes di sabato 25Novembre .

martedì 2 dicembre 2008

Lo shopping diventa creativo


Negli anni 50 ancora non esistevano , perche' la ricostruzione dopo due guerre ravvicinate rendeva indispensabile ogni mobile, ogni suppellettile, anche il piu' semplice soprammobile.
Il boom degli anni 60 , il cambiamento dei gusti e delle mode,le necessita' e le voglia di rinnovarsi nello spirito e nell'immagine hanno permesso ai piu' lungimiranti di crearne di piccoli in un paio di citta'.
Dagli anni 80 in poi sono diventati un appuntamento imperdibile per chi ha voglia di cercare un mobile particolare , un divano che porti alla mente ricordi lontani, il paralume che sta cosi' bene nella casa di campagna.
Stiamo parlando di mercatini dell'antiquariato,che nel nuovo secolo sono un motivo in piu' per concedersi qualche ora di turismo, di shopping e spesso di cultura, perche ' chi sta' dietro ad un banco che espone oggetti d'epoca e' un cultore di storia, tradizioni, folklore e stile.
La Toscana, e non poteva essere altrimenti,e' la regione dove i mercati e le fiere antiquarie si sono sviluppate piu' velocemente,con Lucca ed Arezzo a fare da copolifila di una lunga schiera di citta' e di paesi che, almento una volta al mese, portano in piazza antiquari, rigattieri e collezzionisti.
Gli " uffizzi dell'antiquariato" toscano sono le vie le piazze del centro storico di Arezzo,nella prima domenica del mese e nel sabato antecedente,la fiera antiquaria aretina festeggia proprio quest'anno i suoi quaranta anni e , per prestigio e competenza dei venditori, richiama il numero maggiori di appassionati da tutta Italiia, con punte di trentamila visitatori per week end.
Non da meno e' Lucca che ha il pregio di esporre armadi, madie,comodini poltrone e centinaia di altri articoli in quel contenitore storico naturale che sono le belle vie del centro della citta'.

lunedì 1 dicembre 2008

Pici all 'aglione

Impastate la farina con un uovo, aggiungete q.b. di acqua , succo di mezzo limone e 10 grammi di olio extravergine di oliva.
Fate riposare per min.10 minuti, dopo di che stendete la pasta , tagliatela a listellini e arroltolatela a mano per formare i pici.
In una padella mettele olio extravergine di oliva , aglio, pomodoro a pezzettini e sale q.b.
Quocete i pici in acqua bollente salata per qualche minuto e poi saltali nela salsa di pomodoro.

domenica 30 novembre 2008

Pollo agli aromi

Predete un pollo ruspante e mettetelo in un recipiente , innaffiate di brandy, succo di arancia e aceto balsamico e cospargetelo di salvia tritata fine, tanto sale e pepe.
Il pollo si deve mantecare per almento 8 ore.
Fate e pezzi il pollo e mettetelo in una teglia assieme al liquido e agli aromi, aggiungete olio extravergine di oliva, qualche foglia di salvia intera e una bella zuccherata.
Mettete in forno a 250 gradi per mezz'ora.
Ora tirate fuori il pollo dal forno date una bella salata e pepata , rimettete il pollo nel frono a 200 gradi fino a cottura ultimata, ottimo accompagnato da patate al forno.
Buon appetito!

sabato 29 novembre 2008

Il trend del momento.

E' il trend del momento:prodotti alimentari a km 0.
Itinerario dei mercatini della filiera corta in Toscana.
Veri e propri spacci all'aperto dove la formula " dal produttore al consumatore" da' i suoi frutti in termini di qualita' ma anche di risparmio.
E dove la cultura del biologico e' praticamente di casa.
Sono i farmer market.
In Toscana un fenomeno ormai diffuso.
I piu' importanti sono i cosidetti mercatali, un progetto pilota della regione nato con lo scopo di creare i luoghi in cui i prodotti non solo vengono venduti ma anche raccontati in prima persona dai contadini,allevatori ed artigiani.
Di mercatali se ne contano almento 10 in Toscana di cui 5 in provincia di Arezzo , di questi il piu' rodato e' quello di Montevarchi.
Fra i banchi piu' invitanti quello del consorzio di Cetica e degli agricoltori custodi.
Fra i prodotti rappresentativi delle tipicita' locali: patate rosse di Cetica,buccia rossissima e pasta bianchissima, sono ideali per preparare tortelli e gnocchi,e vanno bene anche per la frittura.
Fagioli zolfini, teneri con buccia finissima,ottimi bolliti con l'aggiunta di qualche foglia di salvia e qualche grano di pepe nero.
Mela nesta,croccante e profumata tanto che i contadini le usavano per profumare la biancheria e polli del Valarno che, allevato all'aperto , sono perfetti da farsi in umido.
Altri mercatali in Toscana sono:
La Fierucola di Firenze
Il Pagliaio di Greve in Chianti
Il Mercato contadino di Pisa
La zucca Barucca di Pistoia
Il Mercatale di Sovicille

Il trend del momento.

venerdì 28 novembre 2008

Ritorno alla origini

Prodotti chimici o di sintesi, ogm, conservanti.
Ecco cio' che non si puo' trovare nei pordotti biologici.
La' dove la natura ritrova invece il suo spazio e i suoi ritmi, dove, con l'uso di fertilizzanti naturali si favoriscono la biodiversita' e la sostenibilita' ambientale e si contrasta l'inquinamento.
E' un ritorno alle origini che sino a poco tempo fa interessava una nicchia ristretta di produttori / consumatori e che invece, oggi,galoppa verso consistenti quote di mercato.
La Toscana e' una regione leader del settore con circa 3000 aziende e 100.ooo ettari coltivati.
In Toscana il biologico ha trovato terreno fertile per la sua espansione.
Qui si sono registrate le prime esperienze negli anni settanta, qui si e'assistito ad una crescita costante con un 'autentica impennata negli ultimi 10 anni.
La nostra azienda si pregia di produrre uno dei migliori olii della toscana, vino , miele, marmellate, il tutto nel rigoroso ripetto della coltivazione biologica.

mercoledì 26 novembre 2008

Parchi d'arte contemporanea

Da secoli l 'arte abbellisce le prospettive paesaggistiche mozzafiato della Toscana, con la naturalezza e , quasi , l'ovvieta' di un fatto congenito alla sua spontanea bellezza.
Stratificazioni di stili, alternanza di cornici, ora una citta', ora una collina ai suoi piedi, una villa, una cattedrale, un lungo mare, un parco secolare, fanno di questa regione non solo un pozzo di grandi siti istituzionali dell'arte medioevale e moderna, il volto piu' noto, ma un laboratorio permanente e tuttora vivace della sperimentazione artistica contemporanea.
Una delle espresioni piu' originali di questo scanario sono i parchi d'arte contemporanea.
Ve ne sono almeno tre davvero importanti a livello internazionale, nati da iniziative private.
Quella di un imprenditore appasionato d'arte Giuliano Gori, negli altri due casi sono stati gli artisti stessi a farsi artefici e collezzionisti, e' il caso di Daniel Spoerri e di Niki de Sainte Phalle assieme allo scultore Jean Tinguely.
Nella sua tenuta Fattoria di Celle, vicino a Prato,Giuliano Gori ha costituito nel 1982, un vero e proprio museo all 'aperto.
Il progetto nacque dal suo interesse per il movimento artistico " Site Specific" osservato a Kassel ed a Venezia negli stessi anni.
per realizzare delle istallazzioni specifiche nel parco della sua villa , una delle piu' suggestive della Toscana, e per l'interno di alcuni edifici si avvalse inizialmente del curatore Ammon Barzel e di un comitato di esperti fra cui Renato Barilli, Franceso Gurrieri e Robert Morris.
Nel parco adesso sorge questo splendido museo all 'aperto nel quale si possono ammirare oltre sessanta opere d'arte site specific , fra sculture ed installazzioni, di grandi artisti contemporanei fra i quali Pistoletto, Luciano Fabro, Sol Le Witt, Richiard Long, Robert Morris.
La villa e' anche sede di un 'intensa attivita' espositiva, e di rassegne , seminari ed incontri internazionali di arte contemporanea.

lunedì 24 novembre 2008

Alla scoperta della citta' della Torre Pendente

Anche il turista piu' sprovveduto che programma un viaggio in Italia sa che Pisa merita una sosta.
Gia' ma solo per lambire la citta' fermando ai suoi margini rivolti verso il mare, la dove sorge una delle piazze piu' famose del mondo, piazza Duomo , meglio consciuta come piazza dei Miracoli.
E non ve' dubbio che quella meraviglia di complesso, torre , duomo e battistero, disposti con metafisica geometria sul prato vellutato,meriti l'appellativo di miracolo, ma e' un vero peccato che la fretta del contemporaneo solleciti la consumazione mordi e fuggi di una citta' che avrebbe molte altre suggestioni da offrire.
Andiamo a scoprirle.
Sul lato settentrionale della piazza,addossato alle antiche mura, e' il diafano e languido camposanto decorato da affreschi gotici e da sarcofaci di rara bellezza.
A non piu' di 500 mt di distanza dalla piazza miracolosa , dalla adiacente piazza dell'Arcivescovado si puo' imboccare una deliziosa stradina mediovale per lo piu' ignota ai turisti.
E' via della Faggiola, costeggiata da antiche dimore e palazzi signorili.
Pochi passi e siamo in una delle piazze piu' scenografiche della citta' , piazza dei Cavalieri.
Questa piazza deriva il proprio nome dalla presenza degli edifici , eretti per volere del granduca Cosimo I , destinati alle sede e ai servizi dell'ordine sacro e militare dei Cavalieri di Santo Stefano,da lui fondato per difendere la coste del Mediterraneo.
Il progetto della piazza si deve al Vasari, che , sempre per Cosimo I realizzo' a Firenze la Galleria dgli Uffizzi.
Tra le bellezze che tuttora si possono ammirare risalta la facciata del Palazzo dei Cavalieri ,sede della prestigiosa scuola Normale Superiore, nata ufficialmente per decreto napoleonico nel 1810 come succursale dell' Ecole Normale Superieure di Parigi.
Sempre nelle vicinanze si puo' ammirare il Palazzo dell 'Orologio, dove in epoca medioevale si trovava la casa torre dove fu rinchiuso e fatto morire di fame, assieme ai suoi tre figli, il conte Ugolino della Gherardesca, figura resa celebre da Dante.

domenica 23 novembre 2008

Leggende, panorami mozzafiato e strane sorprese

Castelli e fortezze che sovrastano il paesaggio.
Baluardi di difesa, mura, rocche che raccontano il tardo medioevo e l'umanesimo della Toscana.
Un itinerario piacevole quello che vuole rivivere le leggende che hanno animato la nostra tradizione, e che ancora continuano ad emozionare.
Come quelle che si celano nel Castello di Malaspina di Fosdinovo , una costruzione di notevole importanza storica e architettonica che fu eretta nella seconda meta' del dodicesimo secolo e che nel 600, grazie a Jacopo Malaspina, si ingrandi' fino a contare ben 800 fuochi.
E' qui che si narra che la malvagia marchesa Cristina Pallavicini uccise i suoi numerosi amanti facendoli precipitare nella botola situata ai piedi del letto, dopo averci trascorso la notte insieme.
E la traccia di un antica botola e' ancora visibile , insieme ad un 'altra stanza, la camera della torture, dove pare cadessero i corpi degli sfortunati amanti.
Tra la piana di Lucca e Valdinievole, anche la fortezza di Montecarlo, e' stata a lungo un luogo inaccessibile e fonte di mistero.
Il complesso rappresenta un ottimo esempio di costruzione militare,in cui si intrecciamo armoniosamente elementi innovativi che impreziosiscono le dimore signorili del 800 e del 900.
Siepi di bosso, piante di limoni e rari esemplari di rosa canina fanno parte dello splendido giardino all'italiana realizzato nel suo interno in corrispondenza della piazza d'armi.
Al confine con Pisa il borgo di Vicopisano ha rappresentato nei secoli un'importante postazione di frontiera.
L'attuale castello risale al 133o e fu proprio Filippo Brunelleschi a potenziare le fortificazioni quando la costruzione cadde nelle mani dei fiorentini.
Ancora oggi la rocca viene considerata uno dei risultati piu' avanzati dell architettura militare fiorentina della prima meta' del 400.
Oggi nella lista " World Heritage Site" dell'unesco e' la Rocca di Radicofani, che svetta in cima ad una imponente rupe basaltica di 896 metri e domina tutto il suo territorio posto tra il monte Cetona , la Val d'Orcia e il Monte Amiata.
Soprattutto sovrasta la via Francigena,la strada per Roma dei penitenti e dei pellegrini.
Sulla sommita' di una collina situata fra il territorio della Val di Chiana e la Val D'Orcia sorge il castello di Sarteano, attorno al quale si sviluppa il borgo del piccolo paese che conserva ancor oggi un impianto Medioevale.
Il castello mantiene i suoi interessanti elementi costruttivi di inespugnabilita' come lo spessore delle mura di ben 7 metri e la quasi totale assenza di finestre , elementi che ne hanno fatto la storia.
Posto su di un colle a 310 di altezza , il castello di San Giovanni d'Asso ha l'aspetto di un palazzo signorile piu' che di un castello vero e proprio.
Divenuto feudo di funzionari imperiali di stanza in Toscana e oggetto di contese fra i vescovi di Arezzo e Siena , oggi il castello e' un importante polo espositivo,ogni anno , nel mese di novembre,ospita la mostra mercato del pregiato tartufo bianco delle crete senesi.
Domina incontrastato la valle del Casentino il castello di Poppi, la cui storia e' legata indissolubilmente alla famiglia feudale dei conti Guidi.
Il castello citato anche dal Vasari,oggi e' sede museale,nella cappella da vedere gli splendidi affreschi di Matteo Gaddi,poi i molti reperti storici della battiglia di Campaldino,che si svolse nella piana di tra Guelfi e Ghibellini aretini l'11 giugno 1289.

sabato 22 novembre 2008

Viaggio fra i tesori d'Italia

Per sottolineare quei percorsi che da secoli affascinano viaggiatori e turisti di tutto il mondo e rappresentano ancor oggi una straordinaria opportunita' per esplorare e conoscere meglio il Belpaese e i suoi inimitabili tesori artistici.
Si tratta di appuntamenti programmati in ogni regione che coinvolgono ogni tipologia di evento , per soddisfare tutte le esigenze,aperture straordinarie, presentazioni di restauri e opere di valorizzazione, itinerari naturali, storici e enogastronomici, convegni di approfondimento,concerti, spettacoli e proiezioni cinematografiche.
L'occasione offerta dall 'anno europeo del dialogo interculturale inoltre,ha portato a valorizzare le molteplici componenti culturali europee, stimolando lo scambio di esperienze e tradizioni e riaffermando il legame inscindibile fra cultura e sviluppo.
Cio' a garanzia di una piu' ampia fruizione del nostro patrimonio e di un dialogo allargato fra le componenti sociali e civili anche fuori dai nostri confini.

venerdì 21 novembre 2008

L'uomo , le crete e i suoi prodotti..

Vi segnaliamo i prossimi appuntamenti nelle Crete Senesi:
Rapolano Terme:
Pane , olio e frantoio
sabato 22 novembre
domenica 23 novembre
Monteroni d' Arbia:
Prodotti, sapori , cultura e arte
domenica 30 novembre
Ville di Corsano:
sagra della Cinta Senese
sabato 6 dicembre
domenica 7 dicembre
lunedi' 8 dicembre
Buoncovento:
Alla riscoperta di un 'identita'
sabato 6 dicembre
domenice 7 dicembre

mercoledì 19 novembre 2008

Per salvaguardare il nostro ambiente

Le fonti energetiche terrestri, come il petrolio, il metano e il carbone , sono state sfruttate in modo cosi' intensivo da confermare l'ingente rischio che possano esaurirsi.
Inoltre la combustione di queste risorse ha creato e continua a produrre condizioni inquinanti e pericolose per l'ambiente e le condizioni di vita dell'uomo.
Sono problematiche di interesse universale e preoccupazioni talmente im primo piano ormai da richiedere un urgente e serio tentativo di risposta.
Il nostro agriturismo vuole sfruttare il piu' possibile fonti di enrgia "pulite " ed e' per questo che ci stiamo organizzando per l'installazzione di un impianto fotovoltaico, che sfrutta ovvero l'energia solare.
Il nostro progetto e' di produrre energia pulita per il 2009.

sabato 8 novembre 2008

Aspettando il caldo sole della Toscana

In attesa della prossima stagione estiva ce ne andiamo un po' in ferie al caldo sole egiziano, non prima pero' di avervi comuninicato le date e le tappe di Novembre del Treno Natura ,
ci rileggiamo fra 10 giorni!
Treno Natura di Novembre:
11 Novembre Treno del Tartufo Bianco ( partenza da Siena)
18 Novembre Treno del tartufo Bianco ( partenza da Grosseto)

venerdì 7 novembre 2008

viaggio nei cinque sensi

I miti si nutrono di domande e di voglia di scoprire quello che si nasconde dietro all'apparenza o si cela in un velo di mistero.
E di questo si nutre anche ogni singolo visitatore che brama dalla voglia di conoscere e di sapere cosa si nasconde dietro l'incantevolezza di un territorio, l'arte e la storia di una citta', la bellezza di un 'opera d'arte o il gusto dei prodotti tipici.
E da questi principi parte ogni nostro viaggio coinvolgendo ogni senso del nostro percepire: tatto, olfatto, gusto, vista e udito.
Lasciamo poi spazio all'immaginario di ogni lettore per catturare i valori, i tesori la cultura e le tradizioni che non si possono spiegare o descrivere per la loro affascinante impercettibilita'.
E' cosi' che in ogni citta' , in ogni territorio, in ogni angolo da scrutare e ammirare si svela un 'Atlantide da scoprire.

un novembre di gusto

Vacanza d'Autunno nelle Crete Senesi , rapiti dal fascino geometrico di calanche e biancane e inebriati dall'odore inconfondibile di tartufi e funghi, dal gusto forte dell'olio nuovo e dai riti della vita di canpagna che tornano a ripetersi come ogni anno in questa stagione, primi fra tutti la ricerca dei pregiati tuberi .
Vi aspettiamo a Novembre per offrirvi questi sapori unici!

giovedì 6 novembre 2008

terre di siena a piedi

L e terre di Siena racchiudono un patrimonio storico, artistico e ambientale di grandissimo interesse.
A noi piace entrare nella storia di questi luoghi a piedi, lentamente, fuori dai normali, rumorosi,flussi turistici e per questo proponiamo itinerari prevalentemente escursionistici , evitando quanto piu' possibile le strade asfaltate e le zone molto affollate, preferendo strade bianche,tratturi di campo e sentieri di bosco, a volte appena accennati.
Le terre di Siena costituiscono naturalmente un paesaggio in movimento, basta provare a stare fermi qualche minuto per accorgersi che tutto sembra muoversi : dall 'orizzonte ondulato del grano spettinato dal vento , dalle ombre di crete che si spostano dall'alba al tramonto alle greggi che disegnano geometrie bianche e transumanti dalla Val D'Orcia alla Val D'Elsa.
Solo questo modo di viaggiare porta con se l'equilibrio della tranquillita' e la delicata emozione di scoprire il silenzio sconfinato dell'abbazia si San Galgano o il filo storico che segue la via delle Grance nel segno di antiche fattorie fortificate.
La curiosita' di scoprire vicoli, piazze ,cortili e palazzi di Siena ispira l'avventura del trekking urbano.

mercoledì 5 novembre 2008

siena sempre senza piu' barriere

Siena, un museo a cielo aperto, dove la bellezza supera le barriere.
Una citta' aperta a tutti i portatori di handicap e che offre percorsi tra arte e natura adatti a tutte le esigenze.
Ecco una lista di servizi senza barriere architettoniche:
Accademia dei Fisiocritici Museo di Storia Naturale
Duomo
Museo Civico
Museo dell'Opera
Oratorio di San Bernardino
Battistero di san Giovanni
Orto Botanico
Complesso museale di santa Maria della Scala
Sinagoga
Torre del Mangia
Centro D'Arte Contemporanea
Biblioteca Comunale
Servizi Igenici di Piazza san Domenico
Bango Pubblico Punto Servizi
per qualsiasi informazione su questo argomento potete rivolgervi alla Cooperativa Socaile Sogno Telamatico Piazza del Campo 7/8
www.comunedisiena.it/disabinf/access.html

martedì 4 novembre 2008

L'essenza della Toscana

Anche in autunno le terre senesi sono ricche di percorsi per gli amanti della bicicletta.
Le tante strade bianche sono percorribili in mountain bike.
Proprio dal nostro agriturismo parte un percorso per mountain bike di media difficolta' che porta sino alla Torre di Montalceto in un bel bosco di quercie e lecci secolari.
Per i nostri ospiti, compreso nel prezzo del soggiorno, un discreto numero di bikes e bici da strada per i meno esperti, anche per i piu' piccoli ,il tutto in un apposito locale dove si puo' trovare il necessario per provvedere alla manutenzione di chi porta la propria bici.
Buone pedalate a tutti!

lunedì 3 novembre 2008

Geometrie del gusto nel Chianti

Puo' essere un esperienza unica unire i sapori e i caratteri del Chianti ai suoi magnifici capolavori artistici.
Assiema all'APT di Siena ci siamo divertiti ad associare dei " capolavori del gusto " a dei capolavori artistici, per un binomio ricco di emozioni.
Combinazioni di arte e sapori:
Vernaccia di san Gimignano DOCG/ Pala d'altare di San Cirino, Sano di Pietro, Monteriggioni
Chianti Classico e Chianti Riserva DOCG/Madonna dlle Misericordia, Simone Martini, Pinacoteca Nazionale, Siena
Cinta Senese e Chianti dei Colli Senesi DOCG / Elia ( Maesta' ), Ambrogio Lorenzetti, Chiusdino, Eremo di Montesiepi
Vin santo del Chianti Classico DOCG/ Piccola Maesta' , Ambrogio Lorenzetti, Pinacoteca, Siena
Spero gradiate gli abbinamenti.

domenica 2 novembre 2008

nuovi giardini per la prossima estate


Stiamo gia' pensando alla prossima estate!
Per godere pienamente della bella piscina, oltre alla terrazza panoramica gia' esistente e alla zona solarium con i comodi lettini, stiamo finendo di preparare per gli ospiti un bel giardino con tavoli e sedie, panche ed ombrelloni.
Una grande area verde all'ombra di una splendida quercia secolare dove poter gustare il pranzo , giocare a racchettoni o a calcio e godere della vista delle calanche e delle crete a perdita d'occhio.
Unitamente la parco giochi per i bimbi e al campo da bocce professionale, questa zona verde rende la nostra piscina tra le piu' belle che abbiate mai visto,
provare per credere...

sabato 1 novembre 2008

Mostra mercato del tartufo bianco

Dal 1 novembre al 8 dicembre si riapre la mostra mercato del tartufo bianco delle Crete Senesi.
I comuni che aderiscono all'iniziativa sono: Asciano, Buonconvento , Chiusure , Monteroni D'Arbia , Montisi , San Giovanni D' Asso, Ville di Corsano e Rapolano terme.
Oltre ai classici appuntamenti con il tartufo a San Giovanni D'Asso tutti i comuni offrono, nei diversi week end, eventi speciali: mostre, degustazioni,visite guidate,laboratori,spettacoli.
Ogni tipo di viaggiatore trovera' la sua occasione per conoscere queste terre; l'amante dell'arte, chi ama la buona cucina e il buon bere,il cicloturista, chi viaggia a piedi,chi scopre il mondo con i propri bambini,chi va a cavallo e chi non si perde un mercato.

giovedì 30 ottobre 2008

il chianti

A pochi km dalla nostra azienda si trova la zona del Chianti Senese e del nobile di Montepulciano.
Percorrendo una suggestiva strada panoramica infatti e' possibile raggiungere Montepulciano con le sue cantine scavate nel tufo, Montalcino con il suo Brunello , Pienza dove si puo' comprare direttamente in caseificio il famoso Pecorino.
In direzione di Siena poi , Gaiole, Radda, Castelnuovo Berardenga, e tutta la zona del Chianti senese con le sue grandi cantine dove si possono prenotare delle escursioni con wine testing ( es. Felsina, con la splendida antica cantina da poco ristrutturata)

mercoledì 29 ottobre 2008

cosa visitare nei dintorni

Oggi vogliamo parlare della Val D'arbia:un territorio poco conosciuto tutto da scoprire ricco di suggestioni.
Partendo da Asciano, percorrendo una strada molto panoramica si arriva a Buonconvento, borgo sorto lungo l'antico tracciato della via Francigena e delimitato dalle mura trecentesche.
Il centro del paese ospita il museo della Mezzadria Senese e il museo di Arte Sacra.
Da Torrenieri si arriva poi a Radicofani, antico borgo mediavale noto per la Rocca di Ghino di Tacco, gloriosa torre medioevale.

martedì 28 ottobre 2008

ristrutturazione appartamento Costanza


Abbiamo appena finito di rinnovare il living dell'appartamento Costanza, il tutto per rendere il vostro soggiorno il piu' confortevole possibile, il numero limitato di appartamenti e le conduzione familiare del nostro agriturismo consentono di poter curare ogni dettaglio, quando qualcosa si rompe viene prontamente riparato o sostituito, ben poco sfugge all'occhio vigile di Chiara !

lunedì 27 ottobre 2008

il nostro nuovo olio extravergine


La prossima settimana comincia la raccolta delle olive per la produzione 2009 del nostro extravergine IGP .
L'azienda agricola Montalceto raccoglie e frantoia direttamente in loco le proprie olive, ed esclusivamente la propie, il tutto per garantire il top di qualita' e genuinita' del prodotto.
Si puo' venire tranquillamente a visitare la cantina ed assaggiare l'olio nuovo con un bel pezzo di pane toscano.
I clienti dell'agriturismo per il mese di novembre avranno in omaggio in appartamento un campione del nostro olio.

sabato 25 ottobre 2008

dolcetto o scherzetto!

Per la festa di Halloween stiamo preparando le nostre zucche e delle piccole sorprese per i nostri ospiti.
I folletti del bosco arriveranno all' imbrunire per divertire i piu' piccoli , e' una notte magica e tutto puo' succedere!
Gli gnomi della caverna del colle stanno preparando la loro festa, ci sara' un bel movimento sotto le quercie del Boschino, vietato mancare!

giovedì 23 ottobre 2008

cena del gruppo calidarium


Sabato 18 Ottobre abbiamo cucinato un menu' tipico toscano per le nostre amiche del gruppo Calidarium.
E' stato un piacere ritrovare nuovamente questo gruppo che si e' gia' riunito da noi la scorsa primavera.
Calidarium e' costituito da 45 donne che vivono con estrema naturalezza il fatto di essere lesbiche e si ritrovano per confrontarsi e parlare insieme.
La nostra struttura e' da sempre gay friendly , ci piace pensare di aver creato un oasi di pace e serenita' ,dove non esistono pregiudizi e discriminazioni ma solo il piacere di vivere in armonia a contatto con la natura con tutte le persone a prescindere da gusti, razza e inclinazioni sessuali.

venerdì 17 ottobre 2008

la nostra accoglienza



Ci sembra fondamentele spendere due parole sulla tipologia di accoglienza che la nostra struttura offre ai suoi ospiti.
Non siamo un hotel, vogliamo dare ai nostri ospiti la sensazione di trovarsi in un luogo familiare, caldo ed accogliente come una seconda casa.
Ci piace bere un caffe' con i nostri clienti e fare due chiacchiere, darci del tu, creare un atmosfera di armonia che d'altronde questo splendido luogo ci ispira.
Siamo sempre presenti, dal momento che abitiamo a 200mt dall'agriturismo, e siamo felici di poter aiutare o consigliare quando ce ne' bisogno, anche per prenotare un ristorante o per delle indicazioni turistiche.
Nei nostri appartamenti ci sono sempre dei fiori freschi e un dolce fatto in casa ad accogliere gli ospiti, piccoli mazzolini di lavanda nei cassetti e il buon profumo di pulito della biancheria lavata in casa.
Per concludere, quindi, non siamo un albergo e siamo felici di non esserlo, ci piace pensarci come un pigro casale di campagna aperto alle persone e agli amici che sanno apprezzare la nostra semplicita' .

martedì 14 ottobre 2008

soggiorni per famiglie


Dedicheremo il mese di Novembre alle vacanze per genitori con figli.
Ci saranno particolari promozioni per bimbi sino a 5 anni.
Da sempre il nostro agriturismo si e' specializzato in accoglienza per i piu' piccoli: il parco giochi,il laghetto con le anatre, il campo da bocce, e per i ragazzi il massimo del divertimento fra le sale hobby dove si puo' giocare a ping pong, calcetto balilla, a scacchi o carte davanti al camino acceso,oppure vedere un dvd della videoteca, sentire musica o suonare il piano per poi finire la giornata nella sala del biliardo o con un bel giro con le nostre bikes per le tranquille strada bianche nei ditorni del casale.
Per figli e genitori solo l'imbarazzo della scelta!

domenica 12 ottobre 2008

rapolano e le sue terme

rapolano e le sue terme

A soli 5 km dall agriturismo Aia Vecchia si trova la sorgente dell'Antica Querciolaia, conosciuta fin dall'antichita' e' da sempre utilizzata per le sue proprieta' benefiche ed ha una collocazione ideale proprio nel cuore della Toscana, in un territorio dove arte, storia e natura si fondono indissolubilmente.
Una posizione unica , a due passi da citta' d'arte come Siena, Pienza e Montepulciano, in un territotrio, quello delle Crete Senesi,dove forme e colori ispirano da sempre perfezione e pace e silenzio rimandano ad atmosfere primordiali fuori dal tempo.
L'Antica Querciolaia e' il luogo ideale dove poter rigenerare corpo e mente,un luogo che fa del benessere termale uno stile di vita globale in cui le virtu' benefiche dell'acqua si sposano con la sapienza di mani esperte.
Ve le raccomando caldamente!

sabato 11 ottobre 2008

treno e musei

Il percorso del treno natura offre la possibilita' di effettuare soste in alcune localita' che fanno parte del circuito dei Musei Senesi che ne riunisce 34 in cui il visitatore puo' avere una testimonianza esclusiva dell' identita' culturale senese , documentata non solo tramite i preziosi reperti archeologici di origine etrusca e romana e le inestimabili opere d'arte del Medioevo e dell'Eta' moderna , ma anche attraverso le memorie delle tradizioni popolari legate al mondo contadino e alla realizzazzione di particolari itinerari naturalistici.
Tra i musei visitati: museo archeologico di Palazzo Corboli ( Asciano ),museo della Mezzadria Senese e museo di Arte Sacra ( Buonconvento), museo Minerario ( Monte Amiata Scalo), complesso museale di santa Maria della Scala( Siena), museo Cassioli (Asciano).

venerdì 10 ottobre 2008

viaggio con treno natura


Per scoprire la bellezza delle "Terre di Siena"e tornare indietro nel tempo.
E' grande l'emozione che si prova salendo nella carrozza centrale, trainata da una littorina d'epoca.
E' possibile usufruire del servizio del treno natura direttamente dalla fermata di Bagni di Montalceto a soli 300 metri dall'agriturismo Aia Vecchia
Sara' possibile scendere in romantiche stazioni ( Trequanda, Buoncovento, Monte Antico) per poi avventurarsi lungo sentieri, raggiungere pievi,borghi e castelli,soffermarsi per una degustazione in fattoria, cogliere l'occasione per partecipare a sagre e feste a fare trekking nel bosco per raggiungere la Torre di Montalceto e l'eremo di Sant' Alberto ( da poco ristrutturato)
Prossime date del treno con littorina d'epoca con fermata a Montalceto:
12 e 19 ottobre, 1 novembre
Non esitate e scirverci per ricevere maggiori informazioni.

mercoledì 8 ottobre 2008

week end per motociclisti

per tutti i nostri amici centauri abbiamo organizzato per il 25 di ottobre un fine settimana tutto dedicato agli amanti dei viaggi in moto
puo' essere un 'ottima occasione per ritrovarsi nell calda atmosfera delle nostre sale hobby e parlare di mete e percorsi per le due ruote
a pochi km dall' Aia Vecchia ,ovvero da Asciano ,parte una delle 10 strade piu' belle d'Italia, la Lauretana Antica che attraversa le colline delle " Crete Senesi" in un superbo spettaolo dei colori dell' autunno e ci collega con Siena, San Gimignano e tutta la zona del Chianti DOP
vi aspettiamo con i nostri omaggi gastronomici, Ilmari e' gia' pronto con la su KTM!

martedì 7 ottobre 2008

Appuntamento per un bagno nelle nostre vasche termali

Sabato 11 ottobre per festeggiare i 10 anni del nostro agriturismo, eccezionalmente le antiche vasche termali saranno aperte sino a mezzanotte, romanticaticamente illuminate a lume di candela e a disposizione per i nostri ospiti.
Le acque termali di Montalceto ad Asciano sono note fin dall'antichità.
Secondo alcuni antichi testi furono le prime conosciute in Toscana
A scoprirle furono gli Etruschi che infatti si insediarono in prossimità della sorgente, ancora oggi é possibile visitare una piccola necropoli adiacente all'agriturismo.
Le acque tiepide hanno proprietà curative per la pelle e sono l'ideale per una pausa di relax

sabato 4 ottobre 2008

Abbiamo acceso il caminetto!


Sabato 4 ottobre abbiamo acceso per la prima volta il grande camino delle sale per gli ospiti, situate al piano terra del casale,
stiamo preparando una gustosa grigliata di carne chianina accompagnata da una selzione di vini locali e castagne!
Per concludere un dolce fatto in casa a base di miele e cannella
Vietato essere a dieta!

domenica 21 settembre 2008

Restauro ultimato!


Abbiamo da poco terminato i lunghi lavori di ristrutturazione dell'antica cappella di Montalceto, eretta nel 1300 ed in seguito modificata nel '700
la piccola chiesa ha mantenuto la bella struttura originale con la pala d'altare in parte dipinta dal Sodoma ed e'un picolo gioiello tutto da ammirare
la capella e' tuttora consacrata ed e' quindi possibilile effettuare cerimoninie religiose officiate dai frati di Monte Oliveto
molto presto verra' inaugurata, in passato e' stata usata come sala prove dai cantanti di Londra del gruppo Helicon's Arts in quanto possiede un ottima acustica
siamo veramente orgogliosi di questa nostra ultima fatica e saremo lieti di mostrarla a coloro che la vorranno visitare!

mercoledì 17 settembre 2008

Degustazione prodotti dell'azienda

Sabato 13 nelle sale Hobby dell'Agriturismo Aia Vecchia, c'è stata la degustazione del nostro Sangiovese accompagnato con il buonissimo miele di nostra produzione e una selezione di pecorini di Pienza. Ai gentili ospiti, che hanno gradito l'iniziativa, diamo appuntamento a fine novembre, con la degustazione dell'olio extravergine di oliva del nuovo raccolto.
Vi aspettiamo numerosi!

mercoledì 3 settembre 2008

Cena contadina

La cena contadina che abbiamo cucinato con i prodotti biologici dell'agriturismo il primo di settembre per i nostri ospiti tedeschi.


Menù contadino:
Antipasto
crostini toscani, panella e verdure fritte in olio di oliva extravergine, panzanella, prosciutto affettato a mano, frittate con verdure.

Primo
Tagliatelle fatte a mano con salvia e rosmarino

Secondo e contorno
Pollo ruspante all'aceto balsamico
Patate al forno e insalata

Dessert
Cantuccini e biscotti fatti in casa con Vinsanto


Benvenuti all'Aia Vecchia

Aia Vecchia: Agriturismo in Toscana


Nel suggestivo paesaggio delle Crete a soli 27 Km da Siena al termine di una panoramica strada di campagna è situata l'Azienda Agricola Montalceto.
Dall'attenta ristrutturazione di due grandi casali facenti parte della struttura è nato l'agriturismo Aia Vecchia di Montalceto.


zoom


L'agriturismo Aia Vecchia di Montalceto è stato riconosciuto da Agroqualità come Agriturismo storico per le seguenti caratteristiche; "edificio risalente al 700 con arredamenti antichi o rustici.
Restauro curato e attento nei particolari."



zoom

L'Aia Vecchia oltre ad avere una posizione privilegiata nel cuore delle Crete Senesi si trova a soli 30 minuti in macchina da Siena e Arezzo e un'ora da Firenze e da Assisi.
A 7 Km si trova Rapolano Terme con le sue bellissime piscine di acque calde ed un attrezzatissimo centro benessere.
A 4 km il maneggio di Villa dei Boschi ed a 20 km un curatissimo campo da golf. In un raggio di 20 km inoltre Pienza Montepulciano e l'Abbazia di Monte Oliveto Maggiore.