Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Follow by Email

submitx.com

https://submitx.com/images/submitx.jpg

tripadvisor recensioni Aia vecchia

panorama Aia Vecchia

http://www.agriturismoaiavecchia.com

http://www.agriturismoaiavecchia.com

Agriturismo Aia Vecchia di Montalceto

Agriturismo Aia Vecchia di Montlaceto http://www.agriturismoaiavecchia.com

AgriturismoAia Vecchia di Montalceto Asciano Siena

http://www.agriturismoaiavecchia.com

Agriturismo Aia Vecchia di Montalceto

Agriturismo in Toscana Siena Asciano appartamenti con piscina http://www.agriturismoaiavecchia.com

https://twitter.com

lunedì 12 luglio 2010

IL GIARDINO PROFONDO

IL GIARDINO PROFONDO Un altro evento molto atteso nell’ex chiesa della Madonna del Duomo: il 12 luglio Mario Capanna presenta il suo ultimo e fortunato saggio “Per ragionare” interviene Andrea Scanzi Il Giardino Profondo, il festival culturale di Arezzo che sta proponendo con incredibile successo incontri con autori quali Don Sciortino, Marta Morazzoni, Chiara Frugoni, Enrico Vaime e Nicola Tranfaglia, continua ad attirare un pubblico fatto di persone curiose, libere ed esigenti se – come è vero – le serate che presentano un dibattito sui temi forti dell’attualità sono le più affollate. E gli eventi continuano: il 12 luglio Mario Capanna presenterà il suo ultimo saggio Per ragionare (Garzanti) con l’intervento del giornalista e scrittore Andrea Scanzi, uno dei collaboratori di punta del festival Il Giardino Profondo. (lunedì 12 luglio, ore 21.15, Madonna del Duomo, Via Oberdan 61). Il libro Fini e Berlusconi, Obama e Platone, le energie rinnovabili, il Vaticano, gli Ogm. Sono solo alcuni dei temi affrontati da Mario Capanna nel suo Per ragionare (Garzanti), viaggio in sessanta domande (e alcune risposte) attraverso le questioni più attuali del nostro tempo alla luce di un imperativo che vuole tornare ad essere categorico: torniamo a pensare! Secondo l'autore viviamo assordati da contrapposizioni politiche di facciata, urlate quanto vuote: impigliati in una melassa di pettegolezzi, personalismi, scandali di ogni genere, false paure. Tutto questo ci fa rimuovere i nostri veri interessi, le sfide del presente e la costruzione di un futuro migliore. Mentre le decisioni vengono prese da altri, senza che ne siamo consapevoli. Con semplicità ed efficacia, Mario Capanna ci dice che dobbiamo tornare a essere protagonisti delle nostre esistenze, e non solo consumatori passivi di merci, di notizie, di intrattenimenti. Che dobbiamo interrogarci sul mondo che ci circonda, sulle sue storture, le sue ingiustizie, le sue assurdità – a volte ridicole, a volte crudeli. Possiamo e dobbiamo individuare gli imbecilli, i prepotenti, i banditi. E' dunque necessario diventare soggetti attivi sulla scena di una politica rigenerata, non fatta di leader e di partiti più o meno geneticamente modificati, ma di persone e collettività, di cibo e ambiente, di affetti, di lavoro. Di prospettive. Su tutto questo, scrive Mario Capanna, dobbiamo ricominciare a ragionare. Per camminare eretti. «Torniamo a pensare! Domande e risposte, per smettere di essere passivi. Il sonno della ragione, oltre a generare mostri, produce il suicidio, morale e culturale, mentre ci si illude di essere vivi. Poiché la finzione è uno dei mali maggiori del nostro tempo, “Per ragionare” si propone come un antidoto. Vademecum per resistere e andare avanti. Sapendo che solo la vista dell’orizzonte mostra la dimensione reale di ogni cosa. E di ogni speranza.»

Nessun commento: